But feelings can’t be ignored, RIO2016

E così le olimpiadi sono giunte al termine. Non sono una sportiva, non seguo lo sport, ma le olimpiadi le ho amate. Perchè? Beh, la risposta è semplice: perchè mi hanno resa orgogliosa e fiera degli esseri umani.
La fierezza, la caparbietà lette in quegli occhi non si trovano dappertutto, sono così rare. Di solito si incrociano occhi vuoti e spenti. Ma negli occhi degli atleti brillava il fuoco, c’era l’ardore, lo stesso che è possibile vedere nei leoni, nei ghepardi e nelle tigri.
Tutte le medaglie mi hanno riempito d’ammirazione: ecco dove ti portano la tenacia, la voglia di spaccare e di dimostrare a te stesso prima che agli altri che sei un super umano, che puoi affrontare qualsiasi cosa.


Ma anche chi la medaglia non l’ha vinta, caspita… che coraggio! Che coraggio serve per non lasciarsi intimorire dalle sconfitte, per essere orgogliosi, per esserci e basta. Tutti super uomini e super DONNE.

E dove lasciamo il cuore che batteva per la finale di pallavolo? Sport troppo spesso ignorato dai più. Giocatori così intensi, che trasmettono il sano valore del “in gruppo si fa tutto, si spacca il mondo”, beh… non ci sono parole. E non ho parole nemmeno per lo Zar. Perchè mi ha emozionato come non mai, la forza, la potenza, le grida.

Di certo questi sono uomini, non i politici che infestano le poltrone del parlamento e sono abili sono alle chiacchiere da bar, che il mio falegname con trentamila lire le faceva meglio. 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...